torna all'Home page
Ballet Class
Una nuova rivoluzionaria app per il tuo iPhone
Un nuovo prodotto di Balletto.net
login

lo shop di danza
Babbucce scaldapiedi Bloch € 45.00
Tips
Se vuoi ricordarti un evento presente nella nostra Agenda clicca su "Crea promemoria".
Nei 5 giorni che precedono l'evento ti apparirà un promemoria nel riquadro del Login.

mostra un altro Tip

cerca una scuola



inserisci o modifica la tua scuola
LA PROPRIOCEZIONE: il “sesto senso” che aiuta a danzare al meglio e in sicurezza (14-1-2017) A cura di FT Sara Benedetti, FT Romeo Cuturi, FT Eva Fasolo

Sostenere un arabesque in punta per alcuni secondi, atterrare precisamente nello stesso punto del palco ad ogni gran jetés richiesto dalla coreografia, mantenere l’equilibrio di continuo durante una complessa serie di passi mentre in scena le luci continuano a modificarsi e ancora,... [segue]

mani?

Lago dei Cigni - Teatro dell'Opera di Roma

PETRA CONTI & ERIS NEZHA

Nureyev

dal nostro archivio

Enemy in the Figure

pubblicato il 2-8-2006

Enemy in the Figure 13 MAGGIO 1987
FRANKFURT BALLET, Francoforte
Stage design, cost. e cor. William Forsythe, mus. Thom Willems


La creazione, inserita come seconda parte in Limb’s Theorem, accanto agli undici danzatori ha come ulteriore protagonista il binomio oscurità-luce. Il modo in cui il groviglio scenico in fibrillazione viene percepito cambia in continuazione o perché le luci, mutando, rimodellano lo spazio oppure perché i danzatori passano da una zona quasi incandescente per la forte illuminazione a una in penombra. Ciò accade quando le coppie in nero danzano dietro, di fronte, piuttosto che al lato di uno schermo verticale, ondulato, collocato diagonalmente lungo il palcoscenico. Le coppie sono in buona luce allorché danzano stagliandosi contro il praticabile, illuminate in modo da proiettare su esso ombre profonde in moto; ma le stesse sprofondano nella più debole penombra allorché si allontanano dallo schermo verticale. Ritornano, poi, visibili, ma abbastanza debolmente, al solo riflesso lunare del muro bianco sinuoso. Le diverse percezioni di un movimento che, prima visibilissimo, poi si indovina appena, ne sottolineano la natura effimera ed inafferrabile. A volte la luce inonda lo spazio facendolo esplodere, altre lo contrae inghiottendolo nel buio, bagna i corpi esaltandoli con bagliori concentrati in zone, si sottrae agli stessi.

[segue]


leggi altri articoli
news | articoli | interviste | storia | trame | personaggi | il teatro | curiosità
Febbraio 2017
L M M G V S D
  12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728     
Compleanni
Febbraio
L M M G V S D
  12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728     
Feelings

Gli umori della Community
Almanacco

cerca data :: cerca parola
scrivici - pubblicità - la redazione - i numeri della Community - disclaimer - regolamento della Community   
  Balletto.net Snc Tutti i diritti riservati  P.IVA 04097780961