torna all'Home page
Ballet Class
Una nuova rivoluzionaria app per il tuo iPhone
Un nuovo prodotto di Balletto.net
login

lo shop di danza
Collant opaco € 7.90

trame: Scuola di Ballo


MAGGIO 1924
THEATRE DE LA CIGALE DI PARIGI
Soirées de Paris del conte Etienne de Beaumont
10 LUGLIO 1933
ripresa dei Ballets Russes de Monte Carlo
cor. Leonide Massine; mus. Boccherini; scene e costumi Etienne de Beaumont



Il balletto, basato sull'omonima commedia di Carlo Goldoni, adattata da Massine, si avvale di arie di Boccherini arrangiate da J. Francaix.

All'accademia di danza del professor Rigadon si presenta Lucrezia che, lodate le doti della figlia Rosina, convince il maestro a concedere un'audizione alla figlia e a farle da manager, visto l'ottimo esito della prova.

Fabrizio è condotto nello studio del maestro di ballo da Ridolfo, che, in segreto, spiega a Rigadon che l'amico è un influente impresario, in cerca di una étoile, al quale spillare danaro da spartire tra loro due. Rigadon, invece di fare subito il nome della talentuosa Rosina, suggerisce a Fabrizio di ingaggiare Felicita, la meno dotata delle allieve. Insistendo sul fatto che la ragazza è un'artista così completa che non si può chiederle un'audizione, il maestro inganna l'impresario convincendolo a stipulare un contratto al buio. Nel frattempo arriva il conte Anselmi che dichiara tutto il suo amore all'allieva preferita del maestro, Josephina.


In seguito Fabrizio ritorna e insiste per vedere un'esibizione di Felicita, con la scusa di poter presentare al meglio le sue qualità. La ragazza si esibisce in un assolo concepito come una gustosa satira di ogni possibile manchevolezza tecnica di una ballerina. Fabrizio si rende conto dell'inganno e chiede che tutte le allieve ballino davanti a lui onde scegliere la migliore. Nel frattempo era sopraggiunta Rosina per la sua lezione, accompagnata dalla madre. Per un caso fortuito proprio nello studio del maestro incontra Carlino, un suo precedente collega. Quando Fabrizio si rende conto delle capacità di Rosina, insiste perché il nome della giovane sia sostituito nel contratto a quello di Felicita.

Al rifiuto di Rigadon, Fabrizio fa intervenire un notaio che riesce a fargli riavere la commissione sborsata al maestro di danza. La resa dei conti non è ancora finita: le allieve abbandonano Rigadon dicendogli che migliori ingaggi le aspettano altrove.

Nelle immagini:
-Etienne de Beaumont, bozzetto per Scuola di Ballo
-Scuola di Ballo, foto di scena, Photo Raul Barba, Monte Carlo


ID=776
8/11/2002
Marino Palleschi leggi gli articoli di Marinoinvia questo articolo ad un amicoStampa questo articoloCondividi su Facebook




cerca nel giornale  

scrivici - pubblicità - la redazione - i numeri della Community - disclaimer - regolamento della Community   
  Balletto.net Snc Tutti i diritti riservati  P.IVA 04097780961