Home

40 anni della Legge Basaglia

Il ricordo alla Lavanderia a Vapore

Dal 16 febbraio al 6 aprile, la Lavanderia a Vapore di Collegno ricorda il quarantennale della legge che chiuse i manicomi e rivoluzionò il concetto di assistenza psichiatrica

10 Feb
2018
18:30
  • Rossella Rapisarda in Senza Filtro – Uno spettacolo per Alda Merini
    Rossella Rapisarda in Senza Filtro – Uno spettacolo per Alda Merini
  • Giulia Lazzarini in Muri
    Giulia Lazzarini in Muri
  • La Lavanderia a Vapore, un tempo lavanderia del più grande ospedale psichiatrico d’Italia © Beppe Giardino
    La Lavanderia a Vapore, un tempo lavanderia del più grande ospedale psichiatrico d’Italia © Beppe Giardino
Testata giornalistica online
Autore: 

Balletto.net
Registrazione Tribunale di Milano n. 263 del 07/09/2017
Direttore responsabile: Elisabetta Agrati 
Viale Regina Margherita 43, 20122 Milano (Italy) | P.IVA 04097780961

Forse non c’è luogo più iconico per ricordare i quarant’anni della legge che, grazie alla visione rivoluzionaria di Franco Basaglia, sancì la chiusura dei manicomi e la nascita di un nuovo concetto di assistenza psichiatrica: oggi centro regionale per la danza in Piemonte, fucina di creatività, la Lavanderia a Vapore di Collegno è nata dalle ceneri di quello che fu il più grande ospedale psichiatrico d’Italia. Edificata tra il 1870 e il 1875 su progetto di Luigi Fenoglio, per essere adibita al lavaggio dei panni per il manicomio, la struttura fu chiusa in seguito alla promulgazione della legge del 13 maggio 1978, “Accertamenti e trattamenti sanitari volontari e obbligatori”, comunemente nota come Legge Basaglia. Già nel 1977, anticipando di un anno la legge nazionale, l’Amministrazione Comunale di Collegno aveva fatto abbattere il primo tratto del muro di cinta del manicomio, aprendo una “finestra” sulle condizioni di quanti vi erano ricoverati.

Nel 2004, su progetto di Antonio Besso Marcheis, cominciarono i lavori di ristrutturazione della lavanderia per opera del Comune di Collegno e della Regione Piemonte. Inaugurata nel 2008, dal 2015 in concessione decennale alla Fondazione Piemonte dal Vivo, la Lavanderia a Vapore è oggi un centro di eccellenza della danza.

Nel quarantennale della Legge Basaglia, la Lavanderia a Vapore propone, dunque, una serie di appuntamenti che intrecciano musica, danza, teatro, arte, con l’obiettivo non solo di ricordare la chiusura dei manicomi ma anche di alimentare il dibattito intorno al tema della malattia mentale, della tutela dei diritti, dell’inclusione, del rispetto della dignità della persona.

Primo appuntamento il 16 febbraio con Senza Filtro – Uno spettacolo per Alda Merini, di Fabrizio Visconti e con la coautrice Rossella Rapisarda, una passeggiata lungo i Navigli insieme alla poetessa. Il 7 marzo (Teatro Le Selve, appuntamento per le scuole con MediaDance), La Storia di Marco Cavallo, di e con Franco Acquaviva, è un racconto a più voci della prima esperienza di animazione teatrale condotta dentro a un manicomio, a Trieste nel 1973, che cambierà il modo di vedere il teatro e la cura. Il Ballo (21 marzo, Teatro La Ribalta) è uno spettacolo di teatro-danza, manifesto poetico dell'Accademia Arte della Diversità-Teatro la Ribalta, che coinvolge sulla scena, per la prima volta, tutti i suoi attori e le sue attrici, con le coreografie della danzatrice del Wuppertal Tanztheater Julie Anne Stanzak. Il 6 aprile, con Giulia Lazzarini si potrà rivivere, attraverso lo sguardo di un’infermiera, la vita in manicomio prima e dopo la rivoluzione di Basaglia, in Muri, per la regia di Renato Sarti (Teatro della Cooperativa).

 

“Ma il giorno che ci apersero i cancelli, che potemmo toccarle con le mani quelle rose stupende, che potemmo finalmente inebriarci del loro destino di fiori, oh, fu quello il tempo in cui tutte le nostre inquietudini segrete disparvero, perché eravamo vicine a Dio, e la nostra sofferenza era arrivata fino al fiore, e era diventata fiore essa stessa”.
Alda Merini, L’altra verità. Diario di una diversa

Condividi: 
  • Rossella Rapisarda in Senza Filtro – Uno spettacolo per Alda Merini
    Rossella Rapisarda in Senza Filtro – Uno spettacolo per Alda Merini
×

Ti serve aiuto?
Consulta la Guida utente o Contattaci!

Accedi

User menu