Home

Addio a Paul Taylor

Gigante della modern dance americana

Ballerino, coreografo, pioniere della danza moderna americana, Paul Taylor si è spento a New York, lo scorso 29 agosto, a ottantotto anni

1 Set
2018
09:00
Testata giornalistica online
Autore: 

Balletto.net
Registrazione Tribunale di Milano n. 263 del 07/09/2017
Direttore responsabile: Elisabetta Agrati 
Viale Regina Margherita 43, 20122 Milano (Italy) | P.IVA 04097780961

Si è spento in un ospedale di New York lo scorso 29 agosto Paul Taylor (Wikinsburg, Pennsylvania, 1930), ultimo, leggendario esponente di quella generazione di ballerini e coreografi che ha cambiato il volto della danza moderna americana. Danzatore di Martha Graham, la “signora” della modern dance, di Merce Cunningham e di George Balanchine, di José Limon e Jerome Robbins, Taylor ha creato 147 titoli, molti dei quali destinati a divenire iconici.

A partire dal provocatorio Duet, del 1957, in cui il coreografo rimaneva immobile per quattro minuti, proseguendo con Aureole, del 1962, il suo primo successo, in cui i movimenti moderni si intrecciavano alla musica barocca di Händel. Definito dal New York Times “tra i più grandi poeti di guerra”, per lo sguardo commovente spesso rivolto ai soldati, nelle sue creazioni Taylor ha trattato temi quali la vita e la morte, l’amore, la natura e il rapporto dell’uomo con essa, con una versatilità e un’attenzione al puro movimento che lo hanno accompagnato per tutta la sua carriera. Tra i titoli più celebri, Orbs (1966), Big Bertha (1970), Esplanade (1975), Company B (1991), Promethean Fire (2002), Beloved Renegade (2008), fino all’ultima creazione, Concertiana, che ha debuttato lo scorso marzo.

Michael Novak, direttore artistico designato della Paul Taylor Dance Company, ha commentato così la scomparsa del maestro: «Paul Taylor è stato uno dei più grandi dancemaker della storia e la sua scomparsa rattrista profondamente non solo quanti hanno lavorato con lui ma tutte le persone nel mondo il cui spirito è stato “toccato” dalla sua incomparabile arte».

Condividi: 
  • Paul Taylor in un ritratto di Maxine Hicks
    Paul Taylor in un ritratto di Maxine Hicks
×

Ti serve aiuto?
Consulta la Guida utente o Contattaci!

Accedi

User menu