Home

Maratona Pina Bausch

Danza e memoria alla Lavanderia a Vapore

Dal 16 al 18 novembre, la Lavanderia a Vapore di Collegno rende omaggio alla signora del teatrodanza con un ricco programma di spettacoli e appuntamenti

4 Nov
2018
19:07
  • Cristiana Morganti in Jessica and me © Claudia Kempf
    Cristiana Morganti in Jessica and me © Claudia Kempf
Testata giornalistica online
Autore: 

Balletto.net
Registrazione Tribunale di Milano n. 263 del 07/09/2017
Direttore responsabile: Elisabetta Agrati 
Viale Regina Margherita 43, 20122 Milano (Italy) | P.IVA 04097780961

Sono passati quasi dieci anni dalla scomparsa di Pina Bausch, spentasi a Wuppertal il 30 giugno del 2009, eppure lo spirito che ha animato lei e la sua danza continua a vivere nell’eredità che ha lasciato ai danzatori del Tanztheater Wuppertal, molti dei quali oggi proseguono i propri percorsi altrove come interpreti, insegnanti o coreografi.

Dal 16 al 18 novembre, la Lavanderia a Vapore di Collegno rende omaggio alla signora del teatrodanza con Maratona Bausch. Danzare la memoria, ripensare la storia, progetto che si inserisce nel programma di attività 2018-2019 della casa della danza piemontese dal titolo Quello che ci muove (ispirato al libro Quello che ci muove. Una storia di Pina Bausch di Beatrice Masini, edito da Rueballu).

Tre spettacoli (Jessica and Me di Cristiana Morganti, Rewind di Daria Deflorian e Antonio Tagliarini, Oro di Francesca Foscarini e Cosimo Lopalco), un cortometraggio di Rossella Schillaci, una video-installazione, una mostra fotografica, un workshop per danzatori, un seminario di studio, incontri con artisti e presentazioni di libri offriranno allo spettatore di oggi l’occasione di confrontarsi con i diversi aspetti dell’eredità di Pina Bausch e con le molte dimensioni della memoria.

Memoria che ritorna nel progetto formativo e performativo che la Lavanderia a Vapore conduce da diversi anni con le scuole di danza: dopo Re:Rosas, riproposizione della celebre coreografia di Anne Teresa De Keersmaeker in occasione della Giornata Internazionale della Danza promossa dall’UNESCO, nel 2019 sarà la volta di The NELKEN – Line by Pina Bausch, in scena il 28 aprile a Torino. Proprio a questo progetto è dedicata un’intera giornata della Maratona Bausch, domenica 18 novembre, con il workshop della danzatrice Julie Anne Stanzak con le allieve delle scuole di danza di Torino.

L’omaggio a Pina Bausch si apre venerdì 16 novembre all’Università degli Studi di Torino con il seminario Ereditare Pina Bausch cui interverranno Alessandro Pontremoli (Università di Torino), Susanne Franco (Università Ca’ Foscari Venezia) e Gaia Clotilde Chernetich (studiosa di danza e dramaturg). Alle ore 19.00, il foyer della Lavanderia a Vapore ospita la presentazione della video-installazione Café Müller (1978), la mostra fotografica di Piero Tauro e Ninni Romeo su Pina Bausch e il Tanztheater Wuppertal e la presentazione del volume Architetture della memoria. L’eredità di Pina Bausch tra archivio e scena di Gaia Clotilde Chernetich (in corso di pubblicazione).

Alle ore 21.00, Cristiana Morganti, storica danzatrice del Tanztheater Wuppertal, rende omaggio a Pina Bausch con il coinvolgente Jessica and me.

Sabato 17 novembre, la Lavanderia a Vapore ospita la presentazione del volume Quello che ci muove di Beatrice Masini (ore 17) e del cortometraggio Quello che ci muove di Rossella Schillaci, prodotto dalla Fondazione Piemonte dal Vivo in collaborazione Pina Bausch Foundation (ore 19). Dalle ore 20.30 saranno in scena Rewind. Omaggio a Café Müller di Pina Bausch, spettacolo di e con Daria Deflorian e Antonio Tagliarini, e Oro. L’arte di resistere, coreografia di Francesca Foscarini e drammaturgia di Cosimo Lopalco, creato e interpretato con i Dance Well dancers.

Condividi: 
×