Home

Romeo e Giulietta di Giuliano Peparini

A Caracalla con i danzatori dell’Opera di Roma

Dal 27 luglio al 4 agosto, le Terme di Caracalla ospitano il debutto della nuova creazione di Giuliano Peparini per il Corpo di Ballo diretto da Eleonora Abbagnato

25 Lug
2018
16:23
  • Romeo e Giulietta nella cornice delle Terme di Caracalla © Yasuko Kageyama
    Romeo e Giulietta nella cornice delle Terme di Caracalla © Yasuko Kageyama
  • Susanna Salvi è Giulietta © Yasuko Kageyama
    Susanna Salvi è Giulietta © Yasuko Kageyama
  • Susanna Salvi e Claudio Cocino in Romeo e Giulietta di Giuliano Peparini © Yasuko Kageyama
    Susanna Salvi e Claudio Cocino in Romeo e Giulietta di Giuliano Peparini © Yasuko Kageyama
Testata giornalistica online
Autore: 

Balletto.net
Registrazione Tribunale di Milano n. 263 del 07/09/2017
Direttore responsabile: Elisabetta Agrati 
Viale Regina Margherita 43, 20122 Milano (Italy) | P.IVA 04097780961

Dopo il successo del suo Schiaccianoci, Giuliano Peparini torna a rileggere un celebre titolo del repertorio classico, Romeo e Giulietta, e lo fa con un linguaggio fresco e contemporaneo capace di parlare al grande pubblico. La nuova creazione e il nuovo allestimento per il Teatro dell’Opera di Roma debuttano alle Terme di Caracalla il 27 luglio, con repliche fino al 4 agosto.

Eleonora Abbagnato, direttrice del Corpo di Ballo capitolino, ha dichiarato: «Ringrazio il mio amico e grande artista Giuliano Peparini, con il quale ho percorso insieme buona parte della mia carriera con il geniale Roland Petit, per essere qui. Siamo in totale sintonia e crediamo nel futuro della danza in Italia. Dopo una stagione di assenza da Caracalla, oggi siamo entusiasti di tornarci con questa nuova produzione che è una sfida e una sferzata di energia allo stesso tempo. Lavora per e con i giovani, presenta uno stile molto articolato e dona molta libertà ai nostri talentuosi artisti».

In scena, nei ruoli di Romeo e Giulietta, si alternano i primi ballerini Claudio Cocino e Susanna Salvi e i solisti Michele Satriano e Vittoria Valerio, ospite dal Teatro alla Scala di Milano. L’étoile Alessandra Amato è La Morte, il primo ballerino Alessio Rezza veste i panni di Mercuzio, in alternanza con il giovane Simone Agrò, e il solista Giacomo Castellana quelli di Benvolio. A loro si affiancano i danzatori del Corpo di Ballo, gli allievi della Scuola di Ballo del Teatro dell’Opera di Roma e un gruppo di breakers che Giuliano Peparini ha voluto per rappresentare – contrapposti ai ballerini capitolini – lo scontro tra le due famiglie.

Così il regista e coreografo: «Romeo e Giulietta, pur essendo stata scritta da Shakespeare tra il 1594 e il 1596, è per me una storia senza tempo. Negli anni è diventata l’archetipo della perfetta storia d’amore, la tragedia per eccellenza. In questa versione per il Teatro dell’Opera di Roma, mi sto lasciando guidare dalla storia originale di Shakespeare ma sto anche aggiungendo alcuni elementi contemporanei perché Romeo e Giulietta è una storia attuale: una storia di ieri, di oggi e di domani. È una storia che vive in me, sulla quale lavoro da quattro anni e ogni volta mi dona una forte emozione e un’ulteriore chiave di lettura che mi permette di andare in profondità, di capire meglio i personaggi e quello che voglio, così da poter elaborare una mia visione, sempre più personale, della vicenda. In questa mia versione non c’è il testo, ma tutto, ogni movimento, ogni pausa mi arriva dalle parole, sublimi e uniche».

Le scene sono di Lucia D’Angelo e Cristina Querzola, i costumi di Frédéric Olivier, la video grafica di Thomas Besson e Albin Rosa, le luci di Jean-Michel Désiré. A dirigere l’Orchestra del Teatro dell’Opera di Roma è il Maestro David Levi.

Condividi: 
  • Susanna Salvi e Claudio Cocino in Romeo e Giulietta di Giuliano Peparini © Yasuko Kageyama
    Susanna Salvi e Claudio Cocino in Romeo e Giulietta di Giuliano Peparini © Yasuko Kageyama
×