Home

Carmen e Mediterranea

Al Teatro Olimpico di Roma

Dall’8 all’11 marzo i balletti di Amedeo Amodio e Mauro Bigonzetti inaugurano l’ottava edizione del Festival Internazionale della Danza di Roma della Filarmonica Romana e Teatro Olimpico

2 Mar
2018
10:35
  • Alcune scene di Mediterranea di Mauro Bigonzetti © Cristiano Castaldi
    Alcune scene di Mediterranea di Mauro Bigonzetti © Cristiano Castaldi
  • Alcune scene di Mediterranea di Mauro Bigonzetti © Cristiano Castaldi
    Alcune scene di Mediterranea di Mauro Bigonzetti © Cristiano Castaldi
  • Alcune scene di Mediterranea di Mauro Bigonzetti © Cristiano Castaldi
    Alcune scene di Mediterranea di Mauro Bigonzetti © Cristiano Castaldi
  • Alcune scene di Mediterranea di Mauro Bigonzetti © Cristiano Castaldi
    Alcune scene di Mediterranea di Mauro Bigonzetti © Cristiano Castaldi
Testata giornalistica online
Autore: 

Balletto.net
Registrazione Tribunale di Milano n. 263 del 07/09/2017
Direttore responsabile: Elisabetta Agrati 
Viale Regina Margherita 43, 20122 Milano (Italy) | P.IVA 04097780961

Dall’8 all’11 marzo l’ottava edizione del Festival Internazionale della Danza di Roma della Filarmonica Romana e Teatro Olimpico prende il via con Carmen di Amedeo Amodio e Mediterranea di Mauro Bigonzetti, due produzioni di Daniele Cipriani Entertainment fortemente volute dallo stesso Daniele Cipriani nell’ottica di una valorizzazione del repertorio italiano della seconda metà del Novecento.

Rilettura originale del racconto di Prosper Merimée, Carmen di Amedeo Amodio sfrutta l’espediente del teatro nel teatro. È lo stesso coreografo a ricordare il momento in cui il balletto prese forma nella sua mente. Era il 1957, al termine di una storica rappresentazione di Anna Bolena di Donizetti, con protagonista Maria Callas. Amodio, allora giovanissimo danzatore scaligero, aveva interpretato uno dei paggetti e si trovava dietro le quinte: “Calato il sipario, scese anche un silenzio ultraterreno sul palcoscenico e tutto intorno, un’atmosfera rarefatta in cui, per qualche istante, tutti quanti – cantanti, musicisti, ballerini, personale tecnico – ci trovammo sospesi nel tempo”.

Una dimensione di sospensione nel tempo che fa di Carmen un’eroina attuale, in cerca di una libertà negata, ancora oggi, a tante donne. Attuali sono anche le suggestioni intessute in Mediterranea, uno dei balletti più rappresentati di Mauro Bigonzetti, creato nel 1993 per il Balletto di Toscana. Due i protagonisti maschili – l’Uomo di Terra (Umberto De Santis) e l’Uomo di Mare (Francesco Moro), alter ego l’uno dell’altro – che si incontrano e si scontrano in una danza degli opposti che fluisce come le onde del mare.

Appuntamento, dunque, al Teatro Olimpico di Roma con Carmen di Amedeo Amodio l’8 e 9 marzo alle ore 21.00 e il 10 marzo alle ore 16.00. Protagonisti Anbeta Toromani e Amilcar Moret, affiancati da Marco Lo Presti, Ilaria Grisanti e Valerio Polverari. Le musiche sono di Georges Bizet (adattamento e interventi musicali originali di Giuseppe Calì), le scene e i costumi sono di Luisa Spinatelli. Mediterranea di Mauro Bigonzetti è in scena il 10 marzo alle ore 21.00 e l’11 marzo alle ore 16.00. Le musiche sono di Mozart, Ligeti e Palestrina, insieme a musiche dei Paesi mediterranei, i costumi sono di Roberto Tirelli e le luci di Carlo Cerri.

Condividi: 
×

Ti serve aiuto?
Consulta la Guida utente o Contattaci!

Accedi

User menu