Home

Un tormentato viaggio interiore

Crystal Pite per l’anteprima di Torinodanza

Il 17 e 18 maggio, le Fonderie Limone ospitano la prima italiana di Betroffenheit, lavoro a quattro mani della coreografa Crystal Pite e del drammaturgo Jonathon Young

11 Mag
2018
09:33
  • Betroffenheit di Crystal Pite e Jonathon Young © Michael Slobodian
    Betroffenheit di Crystal Pite e Jonathon Young © Michael Slobodian
  • Betroffenheit di Crystal Pite e Jonathon Young © Michael Slobodian
    Betroffenheit di Crystal Pite e Jonathon Young © Michael Slobodian
  • Betroffenheit di Crystal Pite e Jonathon Young © Michael Slobodian
    Betroffenheit di Crystal Pite e Jonathon Young © Michael Slobodian
  • Betroffenheit di Crystal Pite e Jonathon Young © Michael Slobodian
    Betroffenheit di Crystal Pite e Jonathon Young © Michael Slobodian
Testata giornalistica online

Balletto.net
Registrazione Tribunale di Milano n. 263 del 07/09/2017
Direttore responsabile: Elisabetta Agrati 
Viale Regina Margherita 43, 20122 Milano (Italy) | P.IVA 04097780961

Il 17 e 18 maggio (ore 20.45) debutta alle Fonderie Limone di Moncalieri, in prima nazionale e unica data italiana, Betroffenheit, lavoro nato dalla collaborazione e dall’amicizia tra la coreografa Crystal Pite e l’attore drammaturgo Jonathon Young, entrambi canadesi. Lo spettacolo, che si inserisce nella programmazione del Teatro Stabile di Torino – Teatro Nazionale, vuole essere il biglietto da visita per l’edizione 2018 di Torinodanza, la prima diretta da Anna Cremonini, che andrà in scena dal 10 settembre al 1 dicembre.

Un’anteprima che unisce teatro e danza non solo nella collaborazione fra le diverse realtà artistiche torinesi ma nella struttura stessa dello spettacolo, creato nel 2015 da Crystal Pite per la sua compagnia, Kidd Pivot. Uno spettacolo che scaturisce dal dramma vissuto da Jonathon Young, sopravvissuto a un incendio in cui hanno perso la vita la figlia e la nipote, dove il dolore e la sofferenza vengono sublimati dall’arte.

Paralizzato dal ricordo del trauma subito, un uomo si rifugia in un mondo parallelo, immaginario, dove incontra una troupe di cabaret espressionista, prima seducente e rassicurante, via via sempre più diabolica. Betroffenheit, termine tedesco che assume diverse sfumature di significato, dalla costernazione allo sbigottimento, allo stordimento, racconta il tormentato viaggio interiore del protagonista. Un viaggio scandito dalle parole di Jonathon Young e dalla danza di Crystal Pite, che si incontrano e si fondono.

Crystal Pite, a lungo danzatrice del Ballet Frankfurt di William Forsythe e coreografa contesa dalle compagnie di tutto il mondo (nel 2017 ha ricevuto il Benois de la Danse come migliore coreografa per il suo The Seasons’ Canon), racconta: «La storia del trauma vissuto da Jonathon Young, il suo personale Betroffenheit è al centro di questa avventura. Jonathon mi ha coinvolto nella sfida di utilizzare le nostre discipline artistiche per lottare contro la sofferenza e il suo coraggio mi ha permesso di mostrare coerenza. Sono molto riconoscente per questa opportunità di essere al suo fianco per guardare in questo difficile terreno che è il dolore e di esplorarlo in un onesto processo di creazione.
Sono stata sorpresa di constatare la gioia che è nata all’interno di questo progetto e profondamente commossa per la curiosità di Jonathon che si è dato a cuore aperto. Nel corso del suo intenso lavoro di ricerca interiore, ci ha lasciato lo spazio per catturare momenti di grazia».

Biglietti: intero € 28 – ridotto di legge € 25 – ridotto € 20
La rappresentazione prevede luci stroboscopiche e un intenso effetto nebbia non tossico

Condividi: 
×