Home

West Side Story

Amore e odio al Carlo Felice

Dall’1 al 5 gennaio, torna al Teatro Carlo Felice di Genova il capolavoro di Leonard Bernstein, con le coreografie originali di Jerome Robbins

27 Dic
2018
15:48
Testata giornalistica online

Balletto.net
Registrazione Tribunale di Milano n. 263 del 07/09/2017
Direttore responsabile: Elisabetta Agrati 
Viale Regina Margherita 43, 20122 Milano (Italy) | P.IVA 04097780961

Capolavoro indiscusso di Leonard Bernstein, Jerome Robbins, Arthur Laurents e Stephen Sondheim, West Side Story torna al Teatro Carlo Felice di Genova dall’1 al 5 gennaio con un’edizione rinnovata ma fedele all’originale, proposta in lingua originale con dialoghi in italiano.

La regia è di Federico Bellone, ripresa da Chiara Vecchi, mentre le coreografie originali sono di Jerome Robbins riprodotte da Fabrizio Angelini. L’Orchestra e il Coro del Teatro Carlo Felice sono affidati al giovanissimo direttore inglese Alpesh Chauhan. Tra i protagonisti spiccano Luca Giacomelli Ferrarini (Tony), Caterina Gabrieli (Maria), Simona Di Stefano (Anita), Giuseppe Verzicco (Riff) e Mark Biocca (Bernardo).

Adattamento del celebre Romeo e Giulietta di Shakespeare, trasposto nella New York degli anni Cinquanta, il musical racconta la rivalità tra le bande dei Jets e degli Sharks, cui appartengo anche Tony e Maria, sfortunati protagonisti di una vicenda di amore e odio.

Ricordato per i suoi ritmi travolgenti e per le sue affascinanti melodie, tra cui Maria, America e Tonight, il musical conobbe un ulteriore successo anche nella sua versione per il grande schermo: l’omonimo film con Natalie Wood vinse, infatti, 10 premi Oscar, 3 Golden Globe e il Grammy Award per la colonna sonora.

Prima rappresentazione: martedì 1 gennaio ore 16.00.
Repliche: giovedì 3 ore 20.00, venerdì 4 ore 20.00, sabato 5 ore 15.30.

Sabato 29 dicembre alle ore 16.00, presso l’Auditorium E. Montale, si svolgerà la Conferenza illustrativa a cura di Lorenzo Costa in collaborazione con l’Associazione Amici del Carlo Felice e del Conservatorio N. Paganini (ingresso gratuito).

Condividi: 
×